Attendere prego ...

Il progetto

Il saluto ad un nuovo giorno, ad un nuovo modo di affrontare la realtà tecnologica, un buongiorno all’amministrazione del futuro… questo è l’obiettivo di 27 enti locali che, consapevoli delle future sfide tecnologiche che vedranno coinvolte le proprie amministrazioni, hanno deciso di aggregarsi per la creazione di un progetto denominato KALIMERA.
Il progetto KALIMERA, con 27 enti locali disposti in diverse aree geografiche e un bacino di utenza pari a 178.684 abitanti, presentato dal Comune di Giungano, in qualità di Capofila dell’aggregazione dei comuni di  Anacapri, Ascea, Brusciano, Campora, Carinaro, Casola di Napoli, Ceraso, Eboli, Forio, Giungano, Laurino, Lettere, Mariglianella, Montano Antilla, Novi Vella, Olivetro Citra, Orria, Roscigno, Salento, San Giovanni a Piro, San Muro la Bruca, Santa Maria la Carità, Sant'Agnello, Sant'Antonio Abate, Stella Cilento, Valle dell'Angelo, Vallo della Lucania, prevede la realizzazione di interventi finalizzati all’innovazione tecnologica ed organizzativa, secondo la logica dell’interoperabilità e della cooperazione e, a tal proposito, il miglioramento del sistema informativo del comune e la creazione di servizi per i cittadini, comuni per tutti gli enti locali costituenti l’aggregazione.
La cooperazione tra gli Enti Locali permette di ottenere, a costi decisamente ridotti rispetto a quelli reali, infrastrutture condivise dagli enti aggregati e tanti altri servizi adottabile da ciascun comune e sostenibili nel tempo. Infatti come riportato dal rapporto ex Cnipa sull’eGovernment nei comuni di piccole e medie dimensioni, l’insostenibilità dell’innovazione nelle azioni amministrative in termini di servizi ai cittadini, è dovuto agli alti costi organizzativi di funzionamento e al divario di competenze e opportunità.
La gestione dei servizi vecchi e nuovi sarà ampliata e rafforzata sia dagli effetti migliorativi della cooperazione che dall’ottimizzazione delle risorse impiegate con lo snellimento delle procedure dell’ente e la riduzione dei tempi di attesa dei cittadini e delle imprese, conseguendo anche il fondamentale risultato di adeguare efficacemente i propri standard organizzativi ed amministrativi alle nuove esigenze della P.A.

Tale progetto prevede:
  • l’allineamento e l'integrazione delle banche dati del back-end, con l'implementazione delle interfacce di integrazione (middleware), tra le applicazioni intra-ente e tra back-end e front-end, dei processi di dematerializzazione e dell’Anagrafe Immobiliare;
  • la sperimentazione di nuovi servizi quali: il rilascio di certificati con il timbro digitale, la denuncia e il pagamento dell’ICI, della tassa sui rifiuti, del Tosap/Cosap, l'Urp on line integrando servizi di portale come Skypeme, lo sviluppo di web tv di comunicazione istituzionale,  e un sistema di Wi-Fi per l’accesso ai servizi da parte dei cittadini;  
  • l’implementazione di un servizio in cooperazione applicativa e fruibile attraverso una porta di dominio, compatibile con il Sistema Regionale Spicca.